SCULTURE

Valutazione, vendita e acqusito di sculture antiche o moderne

DIAMO PIU' VALORE
AI TUOI OGGETTI
D'ARTE

Lino Giglio può aiutarti nella valutazione di sculture in marmo, bronzo, legno che siano antiche, dell’800 o di autori moderni.

Compila il form sculture inviandoci una foto, una breve descrizione, indicazione della firma se è presente e verrai ricontattato entro 24 ore ricevendo una risposta da Lino Giglio.

 

SCULTURE D’ALTA EPOCA

Nell’Alto Medioevo, con l’affermarsi del Cristianesimo, l’arte della scultura punta ad essere simbolica piuttosto che naturalistica. Gli scultori abbandonano così le tecniche artistiche classiche e tendono a semplificare le forme. Le sculture d’alta epoca sono generalmente bassorilievi piuttosto che sculture a tutto tondo, che vengono realizzate spesso per essere inserite in fregi. In epoca romanica le sculture hanno infatti il compito di educare i fedeli alla religione cristiana, proprio per questo i soggetti scultorei sono generalmente legati al mondo biblico o raffigurano angeli e demoni.

Tra il XII e il XIII secolo, nel periodo gotico, c’è una fioritura artistica e si torna a realizzare sculture a tutto tondo, anche se spesso rimangono legate al mondo ecclesiastico e in particolare all’architettura. Gli scultori principali italiani di quest’epoca sono Nicola Pisano e suo figlio Giovanni Pisano e Arnolfo Di Cambio. Un bellissimo bassorilievo attribuibile ad Arnolfo Di Cambio è un’opera che abbiamo avuto modo di trattare.

 

SCULTURE RINASCIMENTALI

Nel Rinascimento, in particolare in Italia, si assiste ad un recupero dei modelli scultorei della classicità. Le sculture rinascimentali riscoprono una propria individualità e vengono realizzate soprattuto su commissioni di Corte piuttosto che per commissioni religiose.

Lo scultore rinascimentale per eccellenza è Michelangelo Buonarroti che, grazie ad una minuta attenzione dell’anatomia umana e alle proporzioni, riesce a realizzare opere che hanno come caratteristica principale quella di essere realistiche. Nelle sculture rinascimentali si vuole rappresentare una bellezza ideale, che si basa su quella del mondo classico.

 

SCULTURE BAROCCHE

Molti artisti si ispirano a Michelangelo per la creazione di un nuovo stile più complesso e meno naturalistico di quello classico: il Manierismo. Questo stile raggiunge il suo massimo virtuosismo alla fine del XVI secolo e per tutto il corso del XVII con l’arte barocca e, in particolare, grazie allo scultore Gian Lorenzo Bernini.

Le sculture barocche non sono più statiche ma fortemente dinamiche, quasi vive. La composizione diventa molto complessa e lo stile sempre più elegante e ricco di dettagli di grande stupore. I soggetti rappresentati sono nuovi e si ispirano molto anche alla mitologia.

 

SCULTURE DEL SETTECENTO ROCOCÒ

Nel XVIII secolo si sviluppa in Europa l’arte rococò. Le sculture rococò vengono realizzate principalmente in Francia e partono dall’idea barocca di uno stile elegante e complesso. Le forme sono però più minute e, proprio per questo, viene spesso utilizzata la porcellana piuttosto che il marmo. I temi e i soggetti sono più frivoli e accattivanti, come l’amore, la gioia o la natura e le linee compositive sono ancora più sinuose e asimmetriche.

Gli scultori principali di questo periodo sono Étienne-Maurice Falconet ed Edmé Bouchardon e lavorano spesso su commissioni dell’aristocrazia.

 

SCULTURE NEOCLASSICHE

Alla fine del XVIII secolo, con la scoperta di Pompei ed Ercolano, c’è un forte ritorno all’osservazione del mondo e dell’arte classica. L’Italia, insieme alla Grecia, diventa uno dei luoghi principali da visitare sia per gli artisti europei sia per nobili e letterati, per studiare le rovine romane e greche e le grandi opere dell’antichità. Su questa linea si sviluppa un nuovo movimento artistico: il Neoclassicismo.

Le sculture neoclassiche si ispirano quindi ai modelli classici romani e greci e vengono realizzate con lo scopo di rappresentare una bellezza ideale, pura, perfetta. Le forme tornano ad essere più semplici e le composizioni perfettamente simmetriche, in totale contrapposizione con l’arte frivola del rococò. Lo scultore italiano neoclassico più importante è Antonio Canova.

 

SCULTURE DELL’OTTOCENTO E DEL NOVECENTO

Nel corso del XIX secolo, è la pittura ad essere in primo piano grazie alle nuove sperimentazioni tecniche e stilistiche che si hanno in questo periodo. La scultura dell’ottocento, come la pittura, inizia a distaccarsi dal naturalismo. Uno dei più grandi scultori ottocenteschi è Auguste Rodin, che realizza sculture in bronzo e in pietra con una forte carica di pathos e di tensione. In Italia, invece, troviamo Medardo Rosso che cerca di realizzare sculture che mantengano i principi impressionisti.

Questa ricerca sempre più individuale ed espressiva degli artisti culminerà poi nel XX secolo con un distacco quasi totale dal naturalismo.

Nel XX secolo, infatti, gli artisti rompono definitivamente con le tradizioni scultoree accademiche e si esprimono in diverse correnti e sfaccettature. Le sculture moderne non cercano più di imitare la realtà circostante ma cercano di esprimere concetti o sentimenti profondi dell’artista. Le sculture del Novecento diventano più geometriche e vengono realizzate con svariati materiali, anche oggetti di uso quotidiano. Queste opere si rifanno molto alle correnti pittoriche che si sviluppano lungo questo secolo, come al cubismo, al futurismo e alle varie avanguardie.

Moltissimi sono gli scultori del Novecento, spesso anche pittori o artisti a tutto tondo, ma tra i nomi più importanti potremmo citare Umberto Boccioni, Lucio Fontana, Fausto Melotti, Alberto Giacometti, Costantin Brancusi, Arman, Arturo Martini e altri ancora.

Vuoi vendere o far valutare gratuitamente il tuo oggetto d’arte? CLICCA QUI Scopri quali oggetti non acquistiamo, CLICCA QUI Scopri la distinzione tra antiquariato, modernariato e design, CLICCA QUI

VALUTAZIONI ED ACQUISTO OGGETTI D'ARTE

Vuoi vendere o far valutare gratuitamente il tuo oggetto d’arte?
Contattaci telefonicamente senza impegno allo 02 29.51.17.06 - 335 63.79.151 oppure compila il form e inviaci la tua richiesta.

GIGLIO LINO & C. S.A.S.

Via Carlo Pisacane, 53 - 20129 Milano
Tel.  02 29.51.17.06
Cell. 335 63.79.151

antichitagiglio@gmail.com

ORARI DI APERTURA

Dal Lunedì al Venerdì
9.00 - 13.00 14.30 - 19.00
Il Sabato
solo su appuntamento

Lino Giglio è iscritto al ruolo dei Periti ed Esperti n. 12101 Albo Tribunale di Milano

NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra newsletter, verrai costantemente informato sulle nostre ultime novità, i nostri progetti, gli eventi e molto altro.

ISCRIVITI, CLICCA QUI

TAG

©2016 Giglio Lino & C. S.A.S. - P.IVA 09627770150 - C.F. 01709590168 - REA: MI-1308415